MESSINA. Il piglio da sceriffo americano di Giorgio Boris Giuliano; il senso dello Stato del prefetto Carlo Alberto Dalla Chiesa; la tenerezza di Graziella Campagna, giustiziata dalla mafia a 17 anni perché aveva visto troppo; il religioso sacrificio di Rosario Livatino, il “giudice ragazzino”; l’intuizione geniale del pool antimafia, che rivive nel “bunkerino della memoria”, e l’orrore delle stragi che uccisero Chinnici, Falcone e Borsellino. E, ancora, la curiosità del giornalista “impiccione” Beppe Alfano; il mistero inquietante del giovane chirurgo Attilio Manca; la magia di “Gigliopoli – La città dei bimbi spensierati”.
Queste e altre storie nel nuovo libro di Eleonora Iannelli, Meglio il lupo che il mafioso 2, edito da Navarra, 120 pagine, per piccoli lettori dagli 8 anni in su, in distribuzione in tutte le librerie. Un instant-book, come il primo, scritto quasi in tempo reale tra i banchi di scuola, al termine della seconda edizione dell’omonimo progetto di legalità, ideato e curato dalla giornalista siciliana, e promosso dalla Fondazione “Rocco Chinnici”. Il libro è arricchito con disegni, vignette e pensieri degli alunni di otto plessi scolastici dell’Istituto comprensivo “Villa Lina-Ritiro” di Messina, ad alto rischio di dispersione, indicato da don Luigi Ciotti di “Libera” come modello per le buone prassi di legalità.
«Il Lupetto – dice la Iannelli – è diventato un simbolo di legalità e di impegno civile, altro che balena blu. Ha tanti amici e inviti nelle scuole. Il segreto? No alla retorica, spazio al candore e alla spontaneità dei bambini, parole semplici ma senza nascondere la verità, lezioni interattive, con audiovisivi e testimonianze dirette, utilizzando soprattutto la tecnica del brainstorming, una specie di intervista collettiva. E spirito di volontariato: il progetto è stato realizzato senza un euro di finanziamento. La mafia e la cultura mafiosa, come il malaffare e il bullismo, si possono prevenire con le buone letture, le testimonianze, gli esempi concreti dei servitori dello Stato e la memoria dei familiari delle vittime. Gli insegnanti, gli educatori, i giornalisti e gli scrittori sono chiamati a svolgere un ruolo importantissimo».
«La Fondazione – spiega Giovanni Chinnici – anche quest’anno donerà il nuovo libro ai bambini direttamente coinvolti nel progetto itinerante che ha fatto tappa a Messina, ma tutti gli interessati potranno trovarlo nelle librerie, grazie all’investimento privato dell’editore. Dal 2002 siamo impegnati in iniziative e attività varie nelle scuole di ogni ordine e grado. Con questo progetto, in particolare, cerchiamo di dare un contributo concreto piantando semi di legalità lungo il percorso di crescita dei più piccoli. Così aveva iniziato a fare mio padre, prima di essere barbaramente ucciso da un’autobomba, assieme ad altre tre persone, il 29 luglio 1983».
Meglio il lupo che il mafioso 2 sarà presentato a Messina venerdì 20 ottobre alle 11, nel corso di una cerimonia presso la scuola “Vann’Antò” dell’Istituto Villa Lina-Ritiro. Farà gli onori di casa la dirigente scolastica Giuseppa Cosola. Oltre alla famiglia Chinnici e all’autrice, saranno presenti vari ospiti e parenti di vittime di mafia.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments