MESSINA. Riapriranno “le attività di commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale, di saponi, detersivi e articoli per la pulizia della casa, con orario di apertura alle ore 8.00 e chiusura alle ore 14.00 e chiusura nei giorni festivi”. Lo ha disposto, con una nuova ordinanza, quasi la trentesima da quando è iniziata l’emergenza da coronavirus, il sindaco Cateno De Luca.

Il nuovo provvedimento, che integra quello del 23 marzo (in realtà lo sostituisce, perché in quell’ordinanza si disponeva la chiusura delle “profumerie”, sotto la cui dicitura ricadono tutte le categorie merceologiche di prodotti per l’igiene personale e della casa) dispone la riapertura dopo dieci giorni di stop (benché qualcuno dei grossi esercizi effettuasse consegne a domicilio).

Perché il dietrofront, e cosa è cambiato da quando sono state chiuse? “E’ stata registrata una domanda di acquisto degli articoli di igiene della persona e di pulizia della casa da avere saturato il mercato, determinando la penuria di tali prodotti presso gli ipermercati ed i supermercati, con conseguente pericolo di formazione di fenomeni di assembramento per la necessità di rifornirsi di tali articoli e violazione delle disposizioni in tema di distanziamento sociale”, spiega l’ordinanza. In sostanza, i supermercati piuttosto prevedibilmente si riempivano di gente che magari aveva solo necessità di un flacone di disinfettante, che poteva tranquillamente comprare altrove, e che invece era costretta ad acquistare al supermercato, creando file e capannelli di persone, già in atto dato l’orario ridotto di apertura dei supermarket.

L’ordinanza impone anche che, per i centri commerciali, sia aperto solo “il commercio ai soli articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l’igiene personale, di saponi, detersivi e articoli per la pulizia della casa, con interdizione all’accesso alla parte di esposizione dedicata agli altri articoli dei quali, secondo le disposizioni vigenti, è attualmente sospesa la vendita e il commercio”.

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
messinese stanco
messinese stanco
3 Aprile 2020 16:10

Una giunta sempre più confusa e confusionaria