BARCELLONA POZZO DI GOTTO – Nessuna revoca di misura per il sindaco di Barcellona, Roberto Materia. Il primo cittadino è stato sospeso dalle sue funzioni dopo il divieto di dimora ordinato dal gip, Fabio Gugliotta, a seguito dell’inchiesta della procura guidata da Emanuele Crescenti. Dopo l’interrogatorio di giovedì, il legale, Tommaso Calderone, aveva avanzato richiesta di revoca ma non è stata accordata. Si attende adesso per il primo marzo la pronuncia del Riesame. Attenuata, invece, la misura dell’ex assessore Angelo Coppolino che passa dal carcere ai domiciliari in una casa delle Eolie. Del tutto revocata, invece, la misura dell’obbligo di dimora nel Comune di Santa Teresa, per l’ex segretario comunale, Santi Alligo. Il gip, dopo l’interrogatorio di martedì scorso, gli ha concesso gli arresti domiciliari in una casa di sua proprietà alle Isole Eolie. Accolta quindi la richiesta del legale difensore, Salvatore Silvestro. E’ stato invece revocato l’obbligo di dimora nel Comune di Santa Teresa di Riva per l’ex segretario generale, Santi Alligo. E’ stata infatti accolta anche la richiesta del legale Paolo Turiano. Essendo in pensione, Alligo non può infatti reiterare il reato o inquinare le prove. Quindi l’esigenza dell’obbligo di dimora è venuta meno.

Le misure erano tutte scattate lo scorso 16 febbraio a conclusione di un’indagine che ha permesso di ricostruire i rapporti di Coppolino con la criminalità organizzata, e le coperture amministrative per i lavori abusivi a favore dell’assessore. Due attività, il B&B Mandanici e il ristorante di fronte, in pieno centro storico, alle spalle del Palazzo comunale, ricavati da due vecchi edifici ristrutturati e abusivamente ampliati.

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments