MESSINA. Si svolgerà oggi martedì 18 luglio, alle 11, al Dipartimento di Ingegneria un convegno tenuto da Antonio Tricoli (Australian National University). Tema dei lavori sarà la tecnologia e, nello specifico, lo sviluppo di dispositivi nanostrutturati per l’assistenza sanitaria personalizzata e preventiva. L’argomento, di evidente e stretta attualità, a causa del rapido aumento dei ritrovati della cosiddetta “elettronica indossabile”, rappresenta la base per raccogliere la sfida dello sviluppo di sensori miniaturizzati, a basso consumo energetico, e dall’alto livello prestazionale. L’elettronica idossabile sta velocemente ampliando l’impatto degli smartphone e di altri dispositivi nelle nostre attività quotidiane e, potenzialmente, può contribuire a migliorare la qualità e l’efficacia sanitaria in termini di prevenzione. Nel corso del seminario, verranno esaminate le possibilità (non semplici tutt’oggi) per l’integrazione dei nanomateriali negli apparecchi tecnologici e, inoltre, si farà riferimento all’ingegnerizzazione multi-scala di  dispositivi optoelettrici e chimici, all’uso di una tecnologia a fiamma scalabile per la nanofabbricazione. L’impatto potenziale di questi approcci e le sfide future, verranno discusse sull’esempio fornito dalla diagnostica medica non invasiva e dai fotorilevatori Uv indossabili.  

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments