MESSINA. Messina protagonista del programma “Le Iene” non per scandali politici o perché manca l’acqua o perché si accorgono ciclicamente che manca l’acqua. Nella puntata trasmessa il 10 dicembre 2018, infatti, i giornalisti di Italia 1 hanno voluto conoscere la storia di Thomas, clochard che dal 2015 ha vissuto in una roulotte in via Pietro Castelli insieme ai suoi sette cani in un appezzamento di terreno concesso dall’Amministrazione Accorinti. Il senzatetto, molto conosciuto in città,  è morto ieri per strada, in via Nicola Fabrizi, per un malore improvviso.

Di seguito il servizio della trasmissione televisiva, che racconta le vicende dell’hippie tedesco e la solidarietà di tanti suoi concittadini.

 

 

Siamo andati a conoscere Thomas che vive in una roulotte in provincia di Messina con sette cani.  Ha lasciato la Germania per scappare dal servizio militare, così ha attraversato tutta l’Italia arrivando a Messina, dove oggi vive. Questa è la storia di Thomas, un hippie tedesco, accumulatore seriale e grande appassionato di animali. Da qualche anno vive con sette cani su un pezzo di terra che il comune gli ha concesso tra le case. E questo ha causato qualche tensione con i vicini che lamentano i latrati dei suoi amici a quattro zampe. Ma è veramente così? Siamo andati a conoscerlo perché molti sono preoccupati per il suo stato di salute: è cardiopatico. Siamo stati nella sua casa a quattro ruote in mezzo a cani, sterpaglie e rifiuti di ogni tipo. Con lui vivono i sette cani provenienti dalle città attraversate in tutta Italia. Thomas vive in una vecchia roulotte tra infiltrazione e bombole del gas. Lo convinciamo a sottoporsi agli esami clinici e nel frattempo gli ripuliamo la sua roulotte. E l’esempio di solidarietà tra vicini che si conclude con una promessa!“.

Ieri, il commiato della trasmissione televisiva:

«Aveva lasciato la Germania per scappare dal servizio militare ed era finito per strada a Messina. Lo avevamo conosciuto nel servizio che vi riproponiamo qui sopra. Thomas, il senzatetto che viveva in una roulotte coi suoi amati sette cani, è morto questo pomeriggio nel centro di Messina, probabilmente stroncato da un infarto. Thomas, già cardiopatico, accumulatore seriale e grande appassionato di animali. Aveva avuto alcuni screzi con i vicini, che si lamentavano del latrato dei suoi cani. Eravamo andati a trovarlo proprio nella sua roulotte, tra sterpaglie e rifiuti di ogni tipo. Con lui i suoi sette cani che aveva raccolto nel suo lungo viaggio dalla Germania alla Sicilia. Alla fine lo avevamo convinto a sottoporsi agli esami clinici, approfittando della sua assenza per ripulirgli la roulotte. E infatti per lui era arrivata una bella notizia: un caravan nuovo di zecca, la sua nuova casa. “Io sono il re del mondo”, ci aveva detto sorridendo a quella notizia. Noi lo ricordiamo con quel sorriso».

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments