MESSINA. «Le notizie che ci arrivano da Messina, dove l’esimio sindaco Cateno De Luca ha deciso di intraprendere una “guerra santa” al tram ci lasciano estremamente preoccupati ed esterrefatti». Dopo le polemiche cittadine e le critiche piovute da ogni fronte sul nuovo piano trasporti dell’Atm, la paventata abolizione del tram (le cui prove inizieranno già dopodomani) varca i confini dello Stretto e desta l’allarme del “Centro Studi sulla Mobilità e i Trasporti”,  che in una nota mette alla berlina il nuovo shuttle e invita il primo cittadino (ma anche il presidente Campagna e il Governatore Nello Musumeci) a”farsi un giro nelle altre città tranviarie italiane”.

«Mentre in Europa ed in Italia si sceglie giustamente di investire su un mezzo di trasporto veloce ed ecologico come il tram, unico antidoto a traffico e smog (vedi Firenze e Palermo ad esempio) – spiegano i membri dell’associazione – Messina sembra voler intraprendere una strada esattamente opposta annunciando di voler buttare, dopo neanche 15 anni, un’opera costata circa 113 milioni di euro attuali e finanziata grazie a fondi UE. Tale decisione , a nostro parere è folle e sconsiderata e denota un totale disinteresse del sindaco verso una mobilità sostenibile. Del resto, anche l’annunciata e faraonica linea bus “shuttle” che dovrebbe rappresentare il futuro della mobilità messinese e sostituire il tram si è rivelata un fiasco totale e non certo per colpa dei messinesi ma per colpa di chi ha deciso di realizzare una linea lunghissima, che deve sostituire 22 linee autobus soppresse su un percorso non protetto, in barba a qualsiasi logica trasportistica».

«Se le finanze di ATM sono in dissesto non è certo colpa del tram, che anzi, nonostante i ben noti problemi passati derivanti dalla mancata manutenzione che ha comportato il fermo di alcune vetture – prosegue la nota – si è dimostrato un valido mezzo di trasporto, ma delle allegre e passate gestioni. Come CeSMoT ci associamo alle proteste di chi, come il movimento “Manteniamo il tram a Messina”, giustamente, non vuole la soppressione del tram e si batte per il suo mantenimento.  Chiediamo all’Onorevole Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci un suo autorevole intervento a favore del tram ed invitiamo altresì il sindaco De Luca ed il presidente di ATM Campagna a farsi un giro nelle altre città tramviarie italiane (Torino, Milano, Bergamo, Padova, Venezia Mestre, Firenze, Roma, Napoli, Palermo, Sassari e Cagliari) per rendersi conto di persona della funzionalità e della potenzialità di questo mezzo di trasporto, anzi, se volessero passare per Roma, saremmo ben lieti di potergli fargli da guida e a farli ricredere sulla validità del tram”.

 

 

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
Igor
Igor
12 Ottobre 2018 7:34

Il Tram e’ elettrico. Ma è troppo lento. Invece una metropolitana veloce da Sud a Nord proietta la città nel futuro. Poi Serve prolungare lo svincolo Annunziata fino a Curcuraci. Il verde. I porticcioli. Le spiagge. Ed i grattacieli etc