MESSINA. Ci hanno sperato, dopo le rassicurazioni da parte di sindaco e governance dell’Atm, ma per i dipendenti dell’azienda trasporti, sotto l’albero non c’è stata la tredicesima. Non per tutti, almeno. Perchè qualcuno l’ha ricevuta, anche se la sera della vigilia, e non quando sarebbe dovuta essere pagata (i possessori di un conto corrente con istituti di credito dell’Atm, Bnl, per esempio, per bizzarrie contabili), e chi invece è rimasto senza ha preso carta e penna e scritto a Cateno De Luca.

“Le inviamo a prescindere i nostri migliori auguri di un buon e Santo Natale a lei e la sua famiglia. Un Natale ricco di gioia e serenità, quello che purtroppo è stato negato ai lavoratori Atm e alle loro famiglie nonostante le promesse e le illusioni , le pressioni morali volute o non volute . Alle note vicissitudini aziendali , con un futuro lavorativo pieno di ombre e insidie, si è aggiunta adesso la beffa della non corresponsione della tredicesima mensilità entro Natale che sta mettendo in difficoltà le nostre famiglie”.

“Certo i lavoratori di Atm sono forti ed abituati alla lotta e ai sacrifici, agli stipendi non pagati, ma non crediamo sia corretto da un primo cittadino dichiarare che la tredicesima è pagata quando nelle nostre tasche ancora non c’è nulla e il Natale  chiama, come i nostri figli. Doveva pensarci prima a trovare soluzioni e non all’ultimo istante perché solo nella tarda serata e solo i correntisti Bnl hanno avuto accreditato la tredicesima mentre il resto dei lavoratori aspetterà giorno 27….. grazie di cuore… Una ulteriore frustrazione per le nostre famiglie” .

“Certo che non sarà il risultato della teoria….”calci in culo ai consiglieri” e niente soldi all’Atm perché hanno “osato” criticare il suo operato ma il messaggio che passa è questo.  Non è certo questo il messaggio che il Natale porta in sè, signor sindaco, saranno altre le ragioni , e se crediamo ai nostri valori cristiani, e quindi al Natale, sappiamo che non è certo questo il messaggio da dare. Essere cristiani non vuol dire andare a tutte le processioni o in chiesa con il selfie sempre pronto, noi dipendenti Atm siamo da sempre abituati a dissentire e ad applaudire quando si fa bene e lei per onestà intellettuale ha fatto anche tante cose per bene. Ma dissentire quando non siamo convinti, credere di non aver bisogno di garanti ma di chiarezza e trasparenza per il nostro futuro non ci può mettere nella lista dei “cattivi” a cui riservare il carbone della befana. Siamo sempre e comunque fiduciosi e disponibili al dialogo….passerà a nuttata diceva il buon Eduardo…..buon Natale sindaco , noi siamo lavoratori e dipendenti per bene”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments