MESSINA. E’ stata una notte di fuoco, quella di Capodanno a Messina, coi vigili del fuoco impegnati in molteplici operazioni. Un’anziana donna, di novantadue anni, è stata ritrovata carbonizzata all’interno del suo appartamento di Montepiselli. La donna, secondo le ricostruzionmi, sarebbe stata avvolta dalle fiamme tentando di accendere qualcosa con del liquido infiammabile.

A Paradiso, invece, un incendio è divampato stamattina in una casa al piano terra, innescato probabilmente a causa di una sigaretta che ha incendiato un materasso. Dall’appartamento si è sollevato del fumo, che ha invaso la tromba delle scale della palazzina e gli altri appartamenti, e richiesto l’evacuazione degli abitanti, in tutto una decina. Due persone sono state trasportate al papardo in condizioni serie per intossicazione dopo aver inalato il fumo.

Poco prima della mezzanotte, invece, un incendio ben visibile dalle case di via Quintino Mollica (da cui è stata scattata la fotografia) di vaste proporzioni si è sviluppato tra Camaro san Paolo e Messina due, innescato molto probabilmente dai botti che, nonostante l’ordinanza che ne vietata l’uso, hanno cominciato ad esplodere sin dalle 20. L’incendio è stato domato dai vigili del fuoco, che successivamente sono stati impegnati nella stessa zona di Camaro, ma dall’altro versante rispetto al viale della Marina russa, per spegnere i numerosi cassonetti dati alle fiamme.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments