Coronavirus, rimandate a maggio le Giornate Fai di Primavera

Posticipato di due mesi il consueto appuntamento con l'evento che ogni anno coinvolge migliaia di cittadini: «Una decisione resa necessaria dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19»

 

MESSINA. Dovevano svolgersi a marzo, ma saranno rimandate di due mesi a causa del Coronavirus. Il Fondo Ambiente Italiano ha deciso di posticipare il consueto appuntamento con le Giornate Fai di Primavera,  grande festa di piazza dedicata ai Beni Culturali che ogni anno coinvolge migliaia di cittadini: una decisione resa necessaria dall’emergenza sanitaria legata alla diffusione del Covid-19.

«L’appuntamento – spiegano gli organizzatori – è rinviato perché crediamo che questo festoso ritrovarsi sia il modo migliore per reagire alle difficoltà di queste settimane e rimettere in moto l’Italia dell’arte e della cultura. Per questo il 9 e il 10 maggio vi invitiamo ancora più numerosi nelle piazze, per sostenere l’Italia più bella e dare nuova forza, insieme, al nostro patrimonio culturale grazie all’amore per l’arte, per la natura e all’inesauribile voglia di scoprire le meraviglie del nostro Paese».

(in foto la Torre della Lanterna del Montorsoli, protagonista messinese dell’edizione 2017)

Lascia un commento

avatar
400