MESSINA. Ultima fra i grandi Atenei statali d’Italia. L’Università degli Studi di Messina ottiene la maglia nera nella classifica Censis 2020/2021, posizionandosi al 17esimo posto su diciassette. La classifica stilata dal Censis (istituto di ricerca socio-economica italiano fondato nel 1964), è basata sulla valutazione delle strutture disponibili, dei servizi erogati, del livello di internazionalizzazione, della capacità di comunicazione 2.0 e della occupabilità.

La classifica si suddivide in “Mega” (con oltre 40 mila iscritti), “Grandi” (dai 20 mila ai 40 mila), “Medi” (dai 10 mila ai 20 mila) e “Piccoli” (fino a 10 mila). Messina rientra fra i grandi e ottiene 75,5 punti, a fronte degli 84,2 di Palermo (dodicesima). L’ateneo dello Stretto ottiene lo stesso punteggio di Catania, che gareggia però fra i “Mega”, piazzandosi nona su 10, mentre Reggio Calabria nella classifica dei “Piccoli” è seconda dietro l’Università di Camerino, con 83,8 punti.

Nelle classifiche “settoriali”, l’Unime è al decimo posto per quel che concerne le borse di studio, 14esima in comunicazione e servizi digitali e 16esima nei servizi. Le categorie in cui va peggio, piazzandosi in coda, sono occupabilità, internazionalizzazione e strutture.

Considerando tutti gli atenei, su 54 università, ad ottenere un punteggio inferiore a Messina sono solo due realtà in tutta Italia.

[*** per vedere tutto il grafico su mobile scorrere verso destra]

var divElement = document.getElementById(‘viz1594710734788’); var vizElement = divElement.getElementsByTagName(‘object’)[0]; vizElement.style.width=’100%’;vizElement.style.height=’950px’; var scriptElement = document.createElement(‘script’); scriptElement.src = ‘https://public.tableau.com/javascripts/api/viz_v1.js’; vizElement.parentNode.insertBefore(scriptElement, vizElement);
 

 

 

 

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments