Rapina in una tabaccheria, misura cautelare in carcere per un 34enne

I fatti risalgono all'ottobre 2018. Superiore a 5mila euro il "bottino"

 

MESSINA. Nei giorni scorsi, gli investigatori della squadra mobile della Questura di Messina hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare in carcere nei confronti del 34enne Gaetano Ardizzone

Secondo quanto emerso dalle indagini compiute dalla Squadra Mobile di Messina e coordinate dalla locale Procura della Repubblica, l’uomo avrebbe commesso assieme ad altri due soggetti, nell’ottobre 2018, una rapina ai danni di una rivendita tabacchi in centro città.

Nella circostanza, due individui – con il volto coperto da passamontagna – si erano introdotti all’interno dell’esercizio commerciale e avevano minacciato il gestore con una pistola, intimandogli di consegnare l’intero incasso della giornata.

La vittima, nel tentativo di bloccare i malviventi, veniva colpita dal soggetto armato con il calcio dell’arma, riportando ferite al volto e alla spalla. Durante la colluttazione, il complice sottraeva il denaro contenuto all’interno del bancone, ammontante ad oltre 5.000 euro.

L’attività di indagine immediatamente avviata consentiva di accertare quanto avvenuto, anche grazie ai riscontri effettuati sui sistemi di video sorveglianza della zona. Ciò ha permesso di verificare che i soggetti coinvolti non erano due ma tre, l’ultimo dei quali infatti era rimasto all’esterno della tabaccheria a fare da sentinella.

Nei confronti dell’uomo, con numerosi precedenti di Polizia, il Gip ha applicato la misura cautelare della custodia in carcere, poiché le modalità dell’azione e la spregiudicatezza criminale hanno evidenziato un alto rischio di reiterazione dei reati.

Lascia un commento

avatar
400