Spacciavano in un negozio di alimentari, 13 misure cautelari a Falcone

L'accusa è spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, estorsione, furto, ricettazione, riciclaggio e danneggiamento di sistemi informatici. Coinvolti anche dei minori

 

MESSINA. All’alba di oggi i Carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa di misure cautelari emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Patti (ME), su richiesta della locale Procura della Repubblica, nei confronti di 13 persone responsabili – a vario titolo – di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso, estorsione, furto, ricettazione, riciclaggio e danneggiamento di sistemi informatici.

Il provvedimento scaturisce dagli esiti di un’ indagine sviluppata dalla Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto e dalla Stazione di Falcone, che ha consentito di individuare una rete di spacciatori attivi nel comune di Falcone – nella vendita, anche a minorenni, di sostanze stupefacenti tipo “marijuana”, “hashish” e “cocaina”. Base operativa del gruppo criminale era un negozio di generi alimentari, gastronomia. Nell’inchiesta sono coinvolti anche numerosi minori, fra acquirenti e pusher.

I particolari dell’operazione saranno forniti nel corso di una conferenza stampa che si terrà alle 10,30 al Comando Provinciale Carabinieri di Messina.

Lascia un commento

avatar
400