Chiusura Galleria San Jachiddu: i correttivi del Comune al prevedibile disastro viario

Nessuna apertura anticipata o per fasce orarie alternate ma stop ai lavori per la fibra e più autobus e agenti della municipale in circolazione. Ecco come l'amministrazione intende gestire il traffico fra la circonvallazione e il viale della Libertà nei prossimi giorni

 

MESSINA. Riaprire la galleria S. Jachiddu, chiusa da martedì al traffico veicolare fino al 31 maggio, è impossibile sia a fasce orarie alternate che secondo tutti gli altri possibili criteri. L’ipotesi è stata fatta fuori sia dal dirigente del Dipartimento Mobilità Urbana del Comune di Messina Mario Pizzino che dal vicesindaco Salvatore Mondello, entrambi d’accordo sulla necessità di svolgere i lavori di manutenzione all’impiantistica, alla ventilazione e alla segnaletica nell’arco temporale indicato e obbligati a eseguirli in questo periodo e non dopo, ad esempio, la chiusura delle scuole per via di un appalto già avviato i cui termini, anche temporali, vanno necessariamente rispettati.

Sono servite però poche ore per capire che adesso è necessario un piano d’azione immediato per gestire le ripercussioni che la chiusura di una delle arterie principali di collegamento della zona nord della città con il centro e il sud ha avuto sul traffico, specialmente nelle ore di punta. L’obiettivo è quello di agevolare la circolazione che, inevitabilmente, ha ostruito le altre vie di collegamento, cioè viale della Libertà viale Regina Elena, uniche alternative per raggiungere da nord il resto della città.

Sin dall’avvio dei lavori in galleria, intanto, gli agenti della polizia Municipale sono stati collocati negli snodi più affollati, come all’incrocio fra il Viale Regina Elena e San Licandro, all’altezza del Bar Rizzo, ma questo non è bastato a gestire un flusso di utenti che parte sin dai villaggi rivieraschi. La sospensione, quindi, dei lavori di posa della fibra ottica lungo la circonvallazione è stato il secondo passo per evitare ulteriori restringimenti di carreggiata e ulteriori rallentamenti. E si sta persino studiando la possibilità di intervenire con delle lanterne semaforiche per regolamentare ulteriormente il doppio senso di marcia.

Tuttavia a chiedere pazienza ai cittadini è Mario Pizzino che solleciterà anche l’ATM per incrementare le linee di bus che collegano il viale Annunziata con il centro. «Ma l’appello andrebbe lanciato anche agli automobilisti che lasciano le macchine in doppia fila o in divieto di sosta – ha spiegato il dirigente – per evitare che non ci siano ingorghi anche il senso civico dei messinesi dovrebbe essere presente. Spesso il caos si crea proprio per questi impedimenti». Rimane tuttavia ottimista sui prossimi giorni Mario Pizzino secondo le cui previsioni il traffico subirà una riduzione. «La galleria svolge una funzione importante per convogliare il traffico ma proprio per questo dobbiamo garantire prima di tutto la sicurezza degli impianti la cui manutenzione non veniva effettuata da diversi anni. Bisogna avere pazienza e serve comprensione», ha concluso.

Lascia un commento

avatar
400