Municipio, Palazzo Zanca

 

MESSINA. «In questi primi due anni di amministrazione De Luca abbiamo assistito a un progressivo e inequivocabile impoverimento artistico e culturale della città, a fronte di una programmazione pressoché inesistente e scelte piuttosto controverse. I risultati sono gli occhi di tutti, fra sagre improvvisate, concerti neomelodici ed eventi di dubbio gusto e valore. In questo desolante scenario, desta molta preoccupazione il recente e al momento incomprensibile trasferimento all’anagrafe di quartiere della responsabile dell’Ufficio Film Commission e del Gai (Giovani Artisti Italiani) Enrica Carnazza, una professionista che da oltre vent’anni è in prima linea per la crescita culturale di Messina. Basti pensare al progetto Distrart, a Gemine Muse e alle numerose altre iniziative che nel corso del tempo hanno regalato arte e bellezza alla città, valorizzando per di più il lavoro e la competenza dei giovani artisti locali». Così, in una nota, la consigliera comunale del M5s Cristina Cannistrà, che chiede chiarimenti all’Amministrazione sulle modalità di spostamento dei dipendenti comunali, sui trasferimenti all’interno dei dipartimenti, sul personale non ancora destinato a seguito del Decentramento amministrativo e sul nuovo organigramma messo in atto dalla segretaria generale del Comune di Messina Rossana Carrubba.

Numerosi i quesiti posti dalla consigliera, che si interroga sulle ripercussioni degli spostamenti nei vari dipartimenti e sulla possibilità degli stessi di poter erogare i servizi di pertinenza: «Alla luce del nuovo funzionigramma voluto dall’Amministrazione e dei vari trasferimenti in atto – commenta – è doveroso capire il perché di queste scelte e come influiranno sul raggiungimento degli obiettivi gestionali per il 2020. In particolare, è necessario appurare se il numero dei dipendenti “in uscita” corrisponda a quelli “in entrata”, se siano state tenute in conto le categorie contrattuali (ma anche le esperienze e competenze individuali, come nel caso di Enrica Carnazza) e se i cambiamenti previsti non determinino uno squilibrio tra il personale in carico e i servizi da svolgere».

Argomenti che saranno affrontati in Aula nel corso della VIII Commissione in un confronto con il segretario generale, la cui presenza è stata sollecitata dall’esponente del M5s per far chiarezza sulle modalità e i criteri adottati per il nuovo organigramma.

Sulla stessa lunghezza d’onda scrive l’interrogazione il consigliere comunale del Pd, Alessandro Russo, chiedendo il motivo che ha provocato il trasferimento della dipendente Enrica Carnazza dal dipartimento Cultura ad una sede Circoscrizionale.

Russo, infatti, interroga per conoscere: “Le ragioni per le quali una impiegata in qualifica funzionale non decisionale, quale la dottoressa Enrica Carnazza, sia stata spostata dall’ufficio presso il quale esercitava il proprio ruolo lavorativo e destinata ad uffici circoscrizionali; se l’Amministrazione ritenga opportuno e utile per l’Ente sguarnire un ufficio di programmazione culturale del Comune delle competenze tecniche e professionali di una dipendente che così meritevolmente ha contribuito alla realizzazione di attività artistiche che hanno contribuito alla fama della città di Messina; se non ritenga, infine, vista la conclamata e documentata capacità gestionale in tema di politiche di programmazione culturale dimostrate negli anni dalla dipendente Enrica Carnazza, di ricollocarla nell’ufficio dal quale è stata negli scorsi giorni distaccata anche e soprattutto al fine di far corrispondere quanto più possibile il criterio del merito e della competenza all’esercizio delle funzioni amministrative”.

guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments