MESSINA. Nel mezzo miliardo di euro del piano infrastrutturale “Messina Riparte“, presentato lo scorso lunedì a palazzo Zanca e che nei programmi dell’Amministrazione dovrebbe consentire alla città di cambiare volto, ci sono anche i fondi per la messa in sicurezza delle strade di collegamento ai villaggi collinari.

Sono infatti stati stanziati i fondi per la messa in sicurezza della strada di Campo Italia insieme alla messa in sicurezza delle frane che insistono sulla strada Portella – San Michele, attualmente chiusa al transito fino al prossimo mese di agosto e che sta causando notevoli disagi ai circa sei mila abitanti dei villaggi di Castanea, Salice e delle Masse.

Un investimento che per Campo Italia ammonta a 750 mila euro e che riguarderà le opere di contenimento versanti e la ricostruzione dove necessario per la messa in sicurezza insieme alla pavimentazione, mentre per la strada di collegamento tra Portella e San Michele prevede lo stanziamento di 390 mila euro per il ripristino del muro di contenimento crollato e che aveva reso la strada inagibile.

Cantieri che fanno parte della tranche di quelli già ripartiti dopo l’emergenza coronavirus o che saranno attivati entro il 2020 e faranno parte dei 65 che si divideranno tra Comune di Messina (55) e Città Metropolitana (10) per una spesa complessiva di 127 milioni di euro. Nel caso dei fondi destinati alla messa in sicurezza della SP44 di Campo Italia, si tratta di una approvazione risalente alle delibere di giunta numero 14/2016 e numero 87/2017 e possibili grazie a fondi ex ANAS.

Zona di Campo Italia sulla quale insiste anche l’ex discarica di Portella Arena, dismessa nel 1998 e mai bonificata, e per la cui messa in sicurezza sono stati previsti 1 milione e 380 mila euro che si aggiungono agli ulteriori 650.000 euro per la messa in sicurezza proprio del torrente Portella Arena che più a valle mette a rischio alcune cooperative abitate.

Come ha confermato anche il vicesindaco Salvatore Mondello, “i lavori partiranno a breve, già nel corso delle prossime settimane, per limitare al massimo i disagi cui devono far fronte gli abitanti dei villaggi collinari, già penalizzati dall’attuale chiusura della strada di collegamento più rapida tra San Michele e Portella Castanea”.

Stanno per terminare i tour tra le già dissestate strade dei colli San Rizzo per riuscire a giungere in città e per i quali sono state molteplici le segnalazioni da parte di cittadini esasperati costretti a percorrere quotidianamente la strada provinciale 44 tra la zona di Campo Italia ed il viale Annunziata immersi tra discariche abusive e manutenzione assente ormai da anni.

Disagi come quelli che qualche giorno fa, a causa della caduta di un grosso tronco nei pressi di Scala Ritiro, hanno bloccato la circolazione anche della linea del bus ATM nella via di percorrenza alternativa scelta proprio dall’Azienda Trasporti messinese per raggiungere i villaggi collinari della zona centro nord della città. Una situazione di messa in sicurezza ripristinata in seguito dai tecnici dell’ANAS.

guest
1 Comment
meno recente
più recente più votato
Inline Feedbacks
View all comments
giovanni
giovanni
13 Luglio 2020 9:01

e’ previsto qualcosa per la strada che congiunge bisconte/montepiselli al neurolesi/don minico?