Andrea Argento: «I blitz di De Luca sono un atto di accusa contro se stesso»

Il capogruppo del M5S: «I risultati di un anno di fallimenti sono sotto gli occhi di tutti. Ci saremmo aspettati che al termine dei suoi impegni si sarebbe concentrato sulle condizioni disastrose della città che amministra, invece sono iniziati nuovamente i soliti “show” sui social»
MESSINA. «Un sindaco disinteressato ad amministrare e che vuole stare perennemente in campagna elettorale, quando invece dovrebbe concentrarsi sui tanti problemi di una città ridotta in condizioni pessime, come si evince del resto dai suoi ripetuti blitz contro se stesso e contro la sua Giunta». Ad intervenire sulla recente querelle fra il sindaco Cateno De Luca e il consiglio è il capogruppo del M5S Andrea Argento, che replica alle recenti dichiarazioni rilasciate dal primo cittadino nel corso di una diretta Facebook.
«De Luca – prosegue – nasconde i suoi tanti insuccessi continuando a puntare il dito sul Consiglio Comunale, ma ormai si tratta di un film già visto che non incanta più nessuno. I risultati di un anno di fallimenti sono invece sotto gli occhi di tutti. Basti pensare alle condizioni in cui versa Villa Sabin, che nel corso degli ultimi 12 mesi è stata del tutto abbandonata all’incuria. Non si rende conto lui stesso che i suoi famosi “blitz”, a un anno di distanza dalle elezioni, sono un atto di accusa contro se stesso?».
Poi una riflessione sul civico consesso: «Dati alla mano, l’attuale consiglio risulta molto più produttivo del precedente, ma il sindaco sminuisce il nostro operato attribuendo tutti i meriti alla sua Giunta: i numeri tuttavia lo smentiscono ancora una volta, dato che nella prima parte del 2017 la Giunta Accorinti aveva prodotto 403 atti, a fronte dei loro 424, mentre gli attuali consiglieri hanno prodotto 5 volte di più rispetto a quello del 2017 (15 delibere noi nel maggio 2019, contro le 3 esitate nel maggio 2017). È evidente che nel ragionamento di De Luca c’è qualcosa che non torna. Vogliamo ricordare al sindaco, inoltre, che da novembre ad oggi lo abbiamo visto in aula pochissime volte, dato che per lunghi mesi ha anteposto la campagna elettorale del suo Assessore ai problemi della città. Ci saremmo aspettati che al termine dei suoi impegni si sarebbe concentrato sulle condizioni disastrose della città che amministra, invece sono iniziati nuovamente i soliti “show” sui social»
Infine una battuta sulle recenti iniziative del sindaco, che ha invitato i cittadini alle “mangiate” con lui durante le inaugurazioni, con tanto di diretta su Facebook: «Se non avessimo sentito con le nostre orecchie non ci avremmo creduto… Perché non si concentra sui tanti disastri di questa città, assumendosi finalmente le sue responsabilità? Il giochino di provare a delegittimare chi si sta impegnando molto più di lui, senza altri interessi se non quelli della città, ha francamente stancato», conclude.

Lascia un commento

avatar
400