Legambiente “studia” i rifiuti delle spiagge messinesi

I dati raccolti saranno pubblicati sulla piattaforma on-line (consultabile sul sito www.volontaripernatura.it) entro il 18 aprile

 

MESSINA. Si è svolto il 12 e 13 aprile il monitoraggio del “beach litter”, i rifiuti sulle spiagge di Faro e Mortelle a cura di Legambiente, circolo di Messina, nell’ambito del Progetto Nazionale Volontari per Natura, volto a coinvolgere i giovani in esperienze di cittadinanza attiva attraverso iniziative di “citizen science” (progetti scientifici cui partecipano i cittadini).

Venerdì 12 aprile, l’iniziativa ha coinvolto circa 40 ragazzi delle classi superiori del Collegio Sant’Ignazio, che hanno raccolto i rifiuti (oltre 15 grossi sacchi) sulla spiaggia in prossimità dell’ex Faro Motel. Sabato 13 aprile, l’iniziativa ha coinvolto giovani cittadini messinesi che hanno risposto in maniera autonoma all’appello di Legambiente per monitorare i rifiuti (circa 10 grossi sacchi) lungo la spiaggia di Mortelle, in prossimità del Lido Spiaggia d’Oro. Legambiente ha ringraziato per la collaborazione i volontari e Messina Servizi Bene Comune per la collaborazione nella rimozione dei rifiuti raccolti.

In entrambi i casi i rifiuti sono stati campionati a fini statistici lungo transetti di 100 metri, quantificandone e analizzandone materiali e tipologie merceologiche. Conoscere la tipologia di rifiuti spiaggiati è il primo passo per individuare le cause del marine litter. I dati raccolti saranno pubblicati sulla piattaforma on-line (consultabile sul sito www.volontaripernatura.it) entro il 18 aprile.

Lascia un commento

avatar
400