MESSINA – La procura di Messina ha chiesto l’arresto dell’ex calciatore del Messina Arturo Di Napoli, il gip, Monica Marino l’ha negato. Adesso la parola passa al Riesame al quale ha fatto ricorso l’accusa contro la decisione del gip.

Il sostituto procuratore, Francesco Massara, ha formalizzato la richiesta per frode sportiva per 11 persone. Sotto la lente dell’accusa quattro partite giocate dall’Acr Messina.

L’indagine della procura di Messina, nota dal marzo del 2017, è scaturita da alcune segnalazioni di Federbet, la federazione no-profit che vigila sulla regolarità delle scommesse in Europa, insospettita da flussi anomali di scommesse su queste partite. Dopo la denuncia, a fine 2015, della federazione europea, il sostituto procuratore, Francesco Massara, ha aperto un fascicolo corposo in cui adesso risultavano indagate 40 persone circa. L’indagine riguarda quattro partite di Lega Pro del girone C, disputate dall’Acr Messina: Casertana – Messina, giocata il 21 dicembre del 2015, finita col risultato di 4 a 1; Messina – Martina Franca, giocata il 9 gennaio successivo e 3 a 0. Poi ancora, la disfatta del Messina con Benevento, ovvero il 5 a 0 subito il 16 gennaio, e l’incontro con la Paganese del 14 febbraio, sempre del 2016, finito 2 a 2.

Massara ha chiesto in tutto 11 arresti. In carcere per Di Napoli.

Ai domiciliari per altri dieci: Pietro Gugliotta, Eros Nastasi, Alessandro Berardi, Ivan Palmisciano, Fabio Russo, Giuseppe Messina, Alessandro Costa, Giovanni Panarello, Andrea De Pasquale e Khalifer Abdel.

l’ex attaccante del Messina, Arturo Di Napoli. “Re Artù” era all’epoca delle partite l’allenatore del Messina. Di Napoli, che in carriera ha giocato pure per Inter, Napoli e Salernitana, era stato già condannato dal tribunale nazionale federale a tre anni di squalifica e 35 mila euro di ammenda, nel 2016, per la presunta combine della partita L’Aquila-Savona, dopo l’indagine della procura di Catanzaro “Dirty Soccer”, scaturita dall’intercettazione di alcuni affiliati alla ‘ndrangheta.

 

 

guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments