Concorso in lottizzazione abusiva di terreni per scopo edilizio, sequestrati 5 mila metri quadri a Terme Vigliatore

Cinque le persone coinvolte. Tali lotti, per caratteristiche e destinazione agricola originaria, non presentavano le qualità necessarie per finalità diverse da quelle di origine

 

MESSINA. Nel pomeriggio di ieri, i Carabinieri della Stazione di Terme Vigliatore hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Tribunale di Barcellona Pozzo di Gotto su richiesta del Sostituto Procuratore della locale Procura della Repubblica, Matteo De Micheli, nei confronti di cinque persone ritenute responsabili di concorso in lottizzazione abusiva di terreni per scopo edilizio.

Il provvedimento scaturisce dall’attività investigativa svolta nel novembre 2018 dai militari dell’Arma che ha permesso di sequestrare un terreno di cinque mila metri quadri, lottizzato abusivamente per scopi edificatori e frazionato in ventidue lotti successivamente venduti. Tali lotti, per caratteristiche e destinazione agricola originaria, non presentavano le qualità necessarie per finalità diverse da quelle di origine.

In particolare, l’iniziale proprietario del terreno aveva frazionato l’area in lotti che, poi, aveva venduto mentre uno degli indagati, all’epoca dei fatti responsabile dell’ufficio tecnico del Comune di Terme Vigliatore, non aveva adottato i provvedimenti di sospensione delle opere di lottizzazione. Infine, tre acquirenti dei vari lotti avevano realizzato opere edilizie in assenza dei previsti titoli.

Lascia un commento

avatar
400