Troppe delibere da esitare, stop alle commissioni consiliari

Decisione dell'ufficio di presidenza del consiglio comunale. Il presidente Claudio Cardile scrive ai colleghi: "Revocate in modo da potersi riunire al mattino" con le sedute d'aula. E votare

 

MESSINA. Troppe delibera giacciono all’ordine del giorno, basta commissioni consiliari e concentriamoci invece sulle sedute di consiglio. Il presidente del consiglio comunale Claudio Cardile prende in mano la situazione, e sospende, fino a nuovo ordine, le commissioni consiliari permanenti, per poter convocare di mattina le sedute di consiglio e far fronte alle troppe delibere mai discusse.

“In ragione delle crescenti necessità di dibattito in seno al Consiglio Comunale in riferimento alle singole proposte di delibera, ed in considerazione del fatto che vi sono in giacenza 24 proposte iscritte all’ordine del giorno, non ancora esitate e pertanto in contrasto con le tempistiche previste dal vigente Regolamento, tenuto conto altresì che stanno giungendo numerose proposte di delibera relative a debiti fuori bilancio, questo Ufficio di Presidenza, revoca le convocazioni di tutte le commissioni consiliari a far data dal 19/11/2019 al fine di consentire al Consiglio Comunale di potersi riunire al mattino ed esitare, con il più ampio dibattito, il maggior numero possibile di proposte di delibera”.

Il documento è sottoscritto da tutto l’ufficio di presidenza, quindi anche la vicepresidente Serena Giannetto ed il vicario Nino Interdonato.

Lascia un commento

avatar
400