Musumeci: “Camilleri uno dei migliori interpreti della cultura siciliana nel mondo”

Il presidente della Regione ricorda lo scrittore originario della provincia agrigentina scomparso oggi a Roma all'età di 93 anni

 

PALERMO. “Con Andrea Camilleri scompare uno dei migliori interpreti della cultura siciliana nel mondo. Scrittore sanguigno e prolifico, con i suoi romanzi ha regalato alla nostra Isola il più efficace spot turistico, promuovendone l’immagine in Italia e all’estero”. Così il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci ricorda l’autore agrigentino morto oggi a Roma all’età di 93 anni.

«Il maestro Camilleri – continua il governatore – è stato fra i più autorevoli protagonisti del Novecento italiano, l’ultimo testimone diretto di quella classe intellettuale di siciliani che, da Luigi Pirandello a Leonardo Sciascia, passando per Gesualdo Bufalino, ha consegnato le pagine migliori della nostra letteratura. A nome del governo regionale – e interprete del sentimento dell’intera comunità-  esprimo alla famiglia Camilleri il più vivo cordoglio».

Andrea Camilleri è morto questa mattina all’ospedale Santo Spirito di Roma, dove era stato ricoverato per un arresto cardiaco lo scorso 17 giugno. Autore della celebre serie di gialli dedicati all’ispettore Montalbano, era nato nel 1925 a Porto Empedocle in provincia di Agrigento.

Lascia un commento

avatar
400