L’Inferno di Dante dal 5 luglio in scena nelle Gole dell’Alcantara

Lo spettacolo curato da Giovanni Anfuso torna nella suggestiva location dopo il grandissimo successo della scorsa estate. Andrà in scena nei weekend con tre repliche serali

 

MESSINA. È tutto pronto nella suggestiva location delle Gole dell’Alcantara per il debutto dell’edizione 2019 dell’Inferno di Dante che, con drammaturgia e regia di Giovanni Anfuso, sarà in scena a partire da venerdì cinque luglio nei week end con tre repliche serali ( 20.45, 22 e 23).

Il regista Giovanni Anfuso ha lavorato intensamente in questi giorni, sottolineando il privilegio e le difficoltà di operare in un Parco naturalistico: “In un ambiente come questo, così affascinante, magico, un regista si scontra inevitabilmente con una serie di difficoltà che complica le prove con gli attori, i danzatori e gli artisti del fuoco, si allungano i tempi per la messa a punto degli effetti di luce e pirotecnici”, ha detto Anfuso.

“Alla fine però – ha concluso – il risultato ti ripaga di tutto: questa scenografia naturale è esaltante e il pubblico, che ha sempre punteggiato di applausi le rappresentazioni, mostra di gradire molto l’ambientazione dell’Inferno qui nelle Gole dell’Alcantara per questo spettacolo che è a un tempo culturale, perché riscopre le radici della lingua italiana,e popolarissimo, perché ciascuno di noi ricorda gli immortali personaggi creati da padre Dante”.

L’Inferno di Dante torna dopo le quindicimila presenze dello scorso anno, che hanno costretto gli organizzatori a programmare nuovi appuntamenti nel corso di tutta l’estate. E un primo assaggio lo si avrà stasera alle 22, quando andrà in scena un’anteprima per i giornalisti, le scuole e altri invitati.

In quest’edizione gli attori impegnati sono Liliana Randi, Davide Sbrogiò, Angelo D’Agosta, Ivan Giambirtone, Giovanna Mangiù, Saro Minardi e Luciano Fioretto. Ci sono poi gli artisti del fuoco, ossia Turi Scandura con Concita Lombardo, e i danzatori: Gabriele D’Astoli, Mariachiara Di Giacomo, Moussa Kouyate, Alessandra Privitera, Alessandra Ricotta, Valerio Rinaudo e Ilenia Scaringi. I costumi sono di Riccardo Cappello, le musiche di Nello Toscano e le coreografie di Fia Distefano.

In contemporanea alle rappresentazioni di Inferno, per i quali posti sarà possibile prenotare nel circuito Boxoffice o acquistando i tagliandi direttamente al botteghino del Parco, nel complesso turistico si svolgerà l’Alcantara Fest, per scoprire le prelibatezze della vallata, seguendo un collaudato modello che mette insieme turismo culturale ed enogastronomico.

Lascia un commento

avatar
400