Apertura dello svincolo, Coletta e Rossellini: «Si metta in sicurezza il Viale Giostra»

I consiglieri di quartiere del M5s chiedono all'Amministrazione più controlli ed iniziative mirate per garantire l’incolumità dei cittadini, in una zona con tre plessi scolastici. Nel mirino dei pentastellati anche il transito dei tir: «Serve un’ordinanza sindacale contingibile e urgente»

 

MESSINA. Nel giorno dell’apertura dello svincolo, i consiglieri della IV e V Circoscrizione, Renato Coletta e Gabriele Rossellini, entrambi del M5s, mettono sotto la lente i disagi alla viabilità sul viale Giostra e i pericoli per l’incolumità pubblica, legati alla presenza in zona di tre istituti scolastici, al mercato settimanale e al transito dei mezzi pesanti provenienti da Palermo.

«Apre lo svincolo autostradale di Giostra-San Michele per i mezzi provenienti da Palermo – scrivono – senza che l’amministrazione abbia previsto maggiori controlli sulla viabilità ed azioni mirate a prevenire rischi per la popolazione, soprattutto in relazione al transito dei mezzi pesanti provenienti da Palermo e diretti alla Rada di San Francesco. L’amministrazione e il Sindaco, evidentemente distratti dalla campagna elettorale per le elezioni europee, non hanno tenuto in considerazione i rischi per l’incolumità pubblica derivanti dalla presenza di 3 plessi scolastici (Cesare Battisti, Majorana e Antonello) che nelle fasce orarie orario 7.30-8.30 e 13.00-16.00, movimentano migliaia di studenti e familiari nel viale Giostra. Inoltre – proseguono – il martedì e venerdì è presente il mercato di Giostra che di per sé congestiona normalmente l’arteria e l’apertura dello svincolo non potrà che aumentare il rischio di incidenti».

Alla luce di ciò, i consiglieri chiedono con urgenza all’amministrazione “l’adozione di tutte le iniziative mirate alla messa in sicurezza del viale Giostra, in relazione all’incremento di traffico, soprattutto al passaggio di mezzi pesanti”.

«In particolare – proseguono – si richiede che nel periodo iniziale ed in corrispondenza degli orari di aperura di scuole, mercati e uffici, vengano istituiti appositi servizi di presidio e controllo del traffico da parte delle forze di polizia municipale e metropolitana.
Con l’occasione e sempre per garantire la sicurezza dei cittadini in una città devastata dall’attraversamento dei Tir, si richiede che l’amministrazione revochi le ordinanze dirigenziali esitate per regolamentare il traffico pesante, in quanto rivelatesi un vero fallimento. Per impedire il passaggio dei Tir in città negli orari più a rischio, sarebbe invece necessario esitare un’ordinanza sindacale contingibile e urgente per motivi di incolumità pubblica che finalmente imporrebbe agli autotrasportatori l’utilizzo di Tremestieri».

 

 

Lascia un commento

avatar
400