Ancora maltrattamenti all’ex convivente, quarantenne ai domiciliari

Malgrado il divieto di avvicinamento emesso lo scorso dicembre, l'uomo, accusato di atti persecutori, ha tentato a più riprese di mettersi in contatto con la donna, violando le prescrizioni imposte

 

GIOISA MAREA. Finisce ai domiciliari un 40enne originario di Patti,  ritenuto responsabile del reato di maltrattamenti in famiglia aggravati ed atti persecutori nei confronti della ex convivente.

Per lungo tempo i carabinieri hanno monitorato i comportamenti dell’uomo, che già nel mese di dicembre era stato oggetto di un provvedimento di divieto di avvicinamento alla donna, cogliendo nella sua condotta nuovi elementi di pericolosità. Il soggetto, infatti, persisteva nell’attuare continui tentativi di avvicinare la vittima e provava a comunicare insistentemente con lei, violando le prescrizioni imposte.

Circostanze, queste, rapportate immediatamente alla Procura della Repubblica di Patti. Il sostituto procuratore Giorgia Orlando ha quindi richiesto l’emissione del provvedimento cautelare restrittivo, concesso dal Presidente del Tribunale di Patti, Ugo Scavuzzo. L’uomo è stato pertanto arrestato e condotto presso la propria abitazione ove resterà ristretto in regime di arresti domiciliari.

Lascia un commento

avatar
400