Violenza nei confronti della figlia di 13 mesi, arrestata dai Carabinieri

La giovane donna, probabilmente ubriaca, alla vista dei militari, in un raptus, solleva la piccola dal passeggino e gliela scaglia contro: la bimba ricoverata al Policlinico e affidata ai servizi sociali

 

MESSINA. I Carabinieri della Stazione di Santa Teresa di Riva hanno arrestato una giovane madre, cittadina romena, resasi responsabile dei reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Nel primo pomeriggio di ieri, una telefonata segnalava il comportamento violento tenuto da una giovane donna, probabilmente sotto l’effetto di sostanze alcoliche, nei confronti di una bambina di un anno e un mese, richiedendo l’immediato intervento dei Carabinieri. La donna, alla vista dei militari intervenuti sul luogo oggetto dei maltrattamenti, andava in escandescenza inveendo non solo dei confronti di alcuni passanti ma anche nei riguardi dei Carabinieri.

Nonostante i tentativi di riportare la donna alla calma, in un raptus, sollevava la piccola dal passeggino scagliandola verso i Carabinieri e solo la prontezza dei riflessi dei militari permetteva che la bimba non cadesse per terra e non riportasse conseguenze più gravi. Il successivo intervento del 118 permetteva di allontanare la bambina (di appena 13 mesi) dalla madre, anche grazie al contributo di un’agente della locale polizia municipale per poi ricoverarla presso il Pronto Soccorso pediatrico del Policlinico di Messina.

Nelle fasi concitate la giovane donna si scagliava violentemente contro un carabiniere spintonandolo e procurandogli lesioni prima di essere bloccata, con non poca difficoltà, ed essere accompagnata presso gli uffici della locale Stazione Carabinieri, ove al termine degli accertamenti, veniva arrestata per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale. La bimba nel frattempo veniva affidata ai servizi sociali del Comune di Santa Teresa di Riva .

L’arrestata, espletate le formalità di rito, è stata portata alla Stazione Carabinieri di Giardini Naxos (ME) e giudicata con rito direttissimo, per i reati di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.

Lascia un commento

avatar
400