Sbaraccamento, De Luca incontra gli agenti immobiliari

Lo stato dell'arte dell'operazione risanamento coi tempi stretti imposti dall'ordinanza emanata dal sindaco il 6 agosto: "Ci sono mille appartamenti, ne servono altrettanti"

 

MESSINA. La prima scadenza del 31 ottobre si avvicina, e prosegue la ricerca di immobili sul mercato da parte dell’amministrazione: con lo sgombero delle baracche previsto dal cronoprogramma piuttosto stringente che Cateno De Luca si è autoimposto per portare a termine il completo risanamento della città, con l’ordinanza del 6 agosto, è necessario trovare un’abitazione per ciascuna delle oltre 2200 famiglie che oggi vivono ancora nelle favelas cittadine.

“Un migliaio di immobili già disponibili perle famiglie che vivono nelle baracche”, ha annunciato De Luca, stamattina, dopo il confronto con le tre associazioni di rappresentanza degli agenti immobiliari. Di questi, 400 sono nella disponibilità delle agenzie, il restante riguarda il mercato immobiliare privato. Nel conteggio, quindi, di appartamenti ne mancherebbero un migliaio, mentre si avvicina la scadenza del bando, prevista per il 25 settembre, salvo proroghe.

“Stamani nella sala ovale di Palazzo Zanca si è svolto il confronto con le associazioni di rappresentanza delle agenzie immobiliari per verificare l’andamento delle dichiarazioni di disponibiàita alla vendita di immobili dei privati all’agenzia per il risanamento da destinare alle famiglie che vivono nei nostri lebbrosari urbani (baracche ). Siamo alla potenziale quota mille immobili ma ne servono ancora altri mille. Il 25 settembre prossimo scade il termine per la presentazione della manifestazione alla vendita. Andiamo avanti nell’attesa della determinazione della Giunta Regionale in merito alla nostra richiesta di dichiarazione dello stato di emergenza socio – ambientale – sanitaria”.

Lascia un commento

avatar
400