Cinque progetti fantascientifici “al di sopra” di Messina

I "consigli" di Luciano Marabello ai candidati sindaco per fare breccia nell’immaginario degli elettori con progetti iperbolici. Fra funivie futuristiche, cupole di vetro, piattaforme galleggianti e strani insetti giganti a Provinciale

 

Al di sopra: la trasformazione del Graticolone su Piazza Cairoli in un parcheggio o in un punto ristoro

 

Due progetti ancora una volta ingegneristici nell’accezione della ricerca di una ostinata funzione per qualcosa che funzione non ha.

Un progetto del 2013 sempre dell’energico ing. Baratta allungava il reticolo del portale piazzato sulla sede del tram Cairoli per ricavare un parcheggio sopraelevato da 100 posti, da raggiungere con colossali zampe montacarichi che portavano su le auto fino all’impalcato di parcheggio. Funzionamento urbano di accesso, costi e benefici sembrano viaggiare su strade diverse ma la notizia si impone sui giornali dell’epoca. L’altro progetto concorrente di trasformazione del portale è quello arrivato nel 2017 dall’ing. Galatà a corredo di esternazioni del consigliere comunale Daniele Zuccarello e che posizionava sempre sul Portale graticolone un punto panoramico e di ristoro. Il progetto sembra affrontare il già greve portale in acciaio Cairoli con una soluzione che sta nel solco del genius loci costruttivo imperante a Messina, quello che al di là di un giudizio sul linguaggio dell’architettura utilizzata, spinge a chiudere qualsiasi spazio aereo o di terrazza con un giardino d’inverno, un soggiorno o un locale per il biliardo.

 

 

Pagine:Pagina precedente 1 2 3 4 5 Pagina successiva

Lascia un commento

avatar
400