Messina, la Polveriera abbandonata di Camaro

Progettata nel 1882, giace da tempo distesa in tutta la sua sontuosa e malinconica imponenza, fra erbacce e rifiuti. Nonostante un progetto di riqualificazione presentato nel 2013. E mai portato a termine

 

In cima a una breve altura ubicata all’inizio dell’omonima via, distesa in tutta la sua sontuosa e malinconica imponenza, si erge la Polveriera di Camaro. Progettata nel 1882 e costruita nella seconda metà del secolo diciannovesimo come già i magnifici e suggestivi Forti Umbertini che costellano i monti Peloritani, fu voluta a ridosso della linea ferroviaria che, attraverso la Galleria Peloritana, avrebbe offerto in caso di attacco nemico un rapido spostamento di uomini e armi. Una Declaratoria regionale del 1990 ne ha sancito l’interesse storico, architettonico e culturale .

Di questo monumento d’arte militare, confinato in un angolo nascosto della città ancorché a pochi passi dallo svincolo autostradale, si è a buon merito occupato anche lo studioso Enzo Caruso, il quale ne ha ripetutamente stigmatizzato le condizioni di degrado. Avvolta da erbacce e rifiuti di ogni genere, la Polveriera, da deposito di munizioni si è via via mutata in contenitore di animali immondi che frugano di continuo nel disomogeneo materiale di risulta lasciato a imputridire sotto il sole.

Nulla, come si vede, hanno potuto la competenza e la passione dei pochi che, come Caruso, hanno a cuore la nostra storia, contro il tenace cupio dissolvi posto in essere da istituzioni e cittadini nei confronti del passato di Messina. Le cui tracce affiorano, in questo caso, in uno dei quartieri-dormitorio più noti della città.

La splendida Polveriera, oggi in stato di progressivo decadimento strutturale, è stata già oggetto di un’idea di riqualificazione. Nel 2013, il consiglio della terza circoscrizione, su proposta del consigliere Cacciotto, votò una delibera che impegnava l’Amministrazione Comunale a provvedere alla bonifica e alla messa in sicurezza della struttura. Il Comune avrebbe dovuto anche attivarsi con il demanio militare e l’assessorato ai beni culturali affinché venisse affrettata la dismissione del bene storico dal demanio alla Regione e di conseguenza al Comune.

I fatti parlano da soli. Nulla di questo è stato ancora realizzato, pur bene immaginando che un recupero della Polveriera potrebbe innescare un percorso virtuoso al fine di valorizzare , oltre al bene culturale in sé, anche la zona urbana ove sorge, notoriamente emarginata dal centro anche se da quest’ultimo il villaggio Camaro dista davvero poco.

 

Lascia un commento

avatar
400