Partecipazione, cultura e diritti civili: l’impegno di Arci Messina nel terzo settore

Fissato per domenica 8 aprile il congresso dell'associazione, che ha approvato l'ingresso di due nuovi circoli, uno a Taormina, "Arci Matta", e uno in città, "Folart"

 

MESSINA. Si è svolto domenica 11 Marzo, a Furnari, presso la sede del circolo Arci Senza Confini, il consiglio territoriale di Arci Messina, che ha convocato il proprio congresso per domenica 8 Aprile e ha approvato il relativo regolamento.  Nel corso dell’incontro è stato approvato inoltre l’ingresso di altri due nuovi circoli: Arci Matta di Taormina e Folart di Messina. Arci Matta promuoverà uno spazio di socialità e cultura attraverso l’organizzazione di cineforum, spettacoli, concerti, gruppi di acquisto solidale e dibattiti su vari temi, in particolare su quelli LGBTQ, tanto intrecciati con la storia di Taormina. Folart svolgerà invece attività di promozione e diffusione della cultura africana, in particolare attraverso l’esercizio di pratiche musicali, danze africane e tradizionali popolari.

All’assemblea si è discusso, tra l’altro, delle novità normative introdotte dalla Riforma del Terzo Settore e delle iniziative e i progetti che Arci Messina e i circoli attualmente svolgono: come la partecipazione al movimento No Inceneritore e le lotte per i beni comuni, i diritti civili e degli immigrati, la promozione del patrimonio culturale e del turismo responsabile, i gruppi di acquisto solidale, l’agricoltura sociale e tutte le altre iniziative che realizzano concretamente un modello di sviluppo alternativo per il territorio della Provincia di Messina.

Il percorso congressuale partirà dalle assemblee dei circoli affiliati Arci, che dovranno tenersi entro il 31 Marzo. L’ordine del giorno delle assemblee riguarderà la discussione dei documenti congressuali nazionali, regionali e provinciali, l’elezione dei 31 delegati al congresso territoriale e l’indicazione di un delegato per quello regionale. Come per i documenti nazionali e regionali, il percorso scelto per la costruzione del documento provinciale prevede la raccolta e l’integrazione dei contributi da parte dei Congressi dei circoli. Alcune proposte e idee sono già emerse nel corso dell’assemblea dei circoli che si è svolta sabato e che è stata convocata il giorno prima del Consiglio Territoriale per la necessità di un confronto più ampio sull’attività associativa e sulla attualità politica, soprattutto alla luce dei risultati delle ultime elezioni.

 

 

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!

avatar
400