Cinque animali simbolo di Messina e della messinesità

Breve ma esaustivo bestiario cittadino tra mito, sacro e profano

Diego, il pappagallo del bar Cristo Re

 

Al pari di Portobello, non parlava mai, ma, insieme allo splendido panorama, è stato per decenni la cifra stilistica del bar “Cristo Re” di Pippo Famulari. Dal piumaggio rosso, blu e giallo, è riuscito a sopravvivere a sbalzi climatici, scirocco, tramontana, piogge, grandine, offerte di cibo delle più strampalate e, soprattutto, a coloro che provavano a estorcergli mezza parola. Anni e anni di richiami, vocine contraffatte, fischi, “Portobello, Portobello!” che ha affrontato con signorile indifferenza, lasciando sempre in punta di becco quel liberatorio “andate a fare in…” che, volentieri, quello sì, avrebbe detto. Da un po’ di tempo, Diego, volato in cielo, è stato sostituito con un suo simile. Ma, come Maradona, di Diego ce n’è soltanto uno…

 

 

Pagine: 1 2 3 4 5 Pagina successiva

Lascia un commento

1 Commento su "Cinque animali simbolo di Messina e della messinesità"

avatar
400
più recente meno recente più votato
Simona
Ospite

Ne viene fuori un quadro insolito,quasi grottesco.Ma viva,viva chi racconta la verità!