Beach volley, a Vulcano gli europei under 20 incantano il pubblico

Mai prima d'ora su sabbia nera, lo sport nato sulle spiagge di Santa Monica dà spettacolo alle Eolie (foto di Vincenzo Nicita Mauro)

 

VULCANO. ”È tutto un altro sport”, è univoco il giudizio dei dirigenti nazionali della Fipav sul beach volley. Nato negli anni ’70 sulle spiagge americane, amato soprattutto da statunitensi e brasiliani, il figlio minore della Pallavolo è in rapida ascesa. Amato dal pubblico e dagli sponsor che molto spesso lo preferiscono alla versione indoor, in questi giorni – dal 7 al 10 – sta dando spettacolo a Vulcano, dove le nuove leve, gli under 20, di 30 paesi europei si stanno confrontano sulla sabbia da gioco siciliana. 

 

Si è conclusa ieri la fase dei gironi. Le squadre italiane hanno passato il turno. In campo maschile grande protagonista della giornata è stata la coppia Alfieri/Sacripanti che conclude il suo percorso netto battendo per 2-1 gli austriaci Kindl/Ochaya. Tra le donne la sfida più sentita era quella tra Orsi Toth/They e le tedesce Hoffmann/Schulz. Netto il 2-0 con cui le azzurre trionfano volando agli ottavi dove attendono la vincente del derby scandinavo tra Svezia e Finlandia. Doppio decisivo successo per il duo Scampoli/Piccoli: 2-0 il risultato con cui il team italiano batte prima la coppia lettone Grosberga/Namike e successivamente le belghe Baens/Louis. Qualificazione ai sedicesimi dove affronteranno le francesi Guyot Polverini/Szewczyk. Passaggio al turno preliminare anche per il duo Varrassi/Ferraris: sconfitta in mattinata per 2-1 contro il team polacco, nel pomeriggio il 2-0 rifilato alle rumene Pantiru/Dumitru spalanca le porte dei sedicesimi.

 

Lascia un commento

avatar
400