Parole con la M che esistono solo a Messina

 

Mmunnaficadinnia

 

Non è solo questione di dirimere l’annoso dilemma se il lavoro nobiliti o renda liberi, o se chi lo pratica debba unirsi, come nella  celebre frase conclusiva del Manifesto. È che a Messina il lavoro, l’azione, l’energia nell’accezione ellenica, è sempre visto un po’ con sospetto. E per una mera questione aritmetica, chi lavora davvero deve farlo il doppio, il triplo, anche di più, e si industria come può.

All’ultimo posto della catena alimentare, il messinese ha piazzato un’occupazione dignitosissima, a quanto pare parecchio in voga nel passato, in cui non c’erano status di Facebook ai quali delegare lo scontento per la questione occupazionale, e quindi bisognava fare di necessità virtù. E siccome la nobiltà, benché poco attrezzata ai lavori manuali, a peccati di gola non si faceva mancare nulla, per sbucciare il notoriamente paglioso fico d’india si rivolgeva a chi lo faceva di mestiere: u’ mmunnaficadinnia, ruolo sociale presto assurto a sinonimo di ultimo, di umanità alla deriva, affiancabile solo al suo surrogato nel ramo ittico, colui il quale è incaricato di dare acqua al pescato: u’ rimoddapiscistoccu. Grado ultimo dell’essere umano.

 

Pagine:Pagina precedente 1 2 3 4 5 6 7 Pagina successiva

9
Lascia un commento

avatar
400
7 Comment threads
2 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
8 Comment authors
mmpippolipariGiovannaGiovanniAlfio Lanaia Recent comment authors
più recente meno recente più votato
Sergio Todesco
Ospite
Sergio Todesco

very good!

Maria
Ospite
Maria

Mammafausa mi ha fatto ricordare di un gioco che facevamo da bambini forse era a “nascondino”?

Ivano Rotondo
Ospite
Ivano Rotondo

mi hai fatto ridere, bravo!
al prossimo giro mettici dentro anche “masticante”, un capolavoro senza tempo

pippolipari
Ospite
pippolipari

quoto! “masticante” è un capolavoro linguistico messinese doc!

Alfio Lanaia
Ospite
Alfio Lanaia

Mi sembra come minimo esagerato il sottotitolo (parole con la M che esistono SOLO (sic!) a Messina), dal momento che alcune parole (minarsela, manciaçiumi) sono almeno pansiciliane. In questi casi, invece di Wittgenstein, basterebbe un vocabolario dialettale per rendersene conto.

Giovanni
Ospite
Giovanni

“Milla” che bell’articolo!!

Giovanna
Ospite
Giovanna

Suffareddu. Lo dice sempre mia mamma ai miei figli. Ma chi aviti u suffareddu ‘nto culu? Per indicare la loro irrequietezza e l’ essere molto vispi.

Sciabbacheddu oltre per indicare il pesce, serve ad indicare la presenza in un luogo di ragazzini.
‘Nto viali oggi c’era un saccu i sciabbacheddu

pippolipari
Ospite
pippolipari

Grande Marino! …alla voce “minarsela” aggiungerei l’evocativo (e mai sentito altrove) “minarla alle bratte” (dicasi di azione inutile, inconcludente)